Diquadro by Natali Srl dal 1961

Wrapping, una nuova idea per allestire stand fieristici personalizzati davvero originali

Non solo le auto o gli oggetti: anche gli stand fieristici e gli ambienti espositivi in genere possono essere wrappati, cioè personalizzati mediante la tecnica del wrapping o wrappatura

Scorri la pagina per visualizzarne i contenuti

WRAPPING PER ALLESTIRE STAND FIERISTICI PERSONALIZZATI

Non solo le auto e gli oggetti, ma anche gli stand fieristici e gli ambienti espositivi in genere possono essere “wrappati”. Wrap in italiano si traduce in avvolgere. Quando in gergo si parla di “wrappare” s' intende la pratica, ormai abbastanza diffusa, di decorare le superfici per mezzo di speciali film adesivi che oggi la tecnologia ha reso capaci di adattarsi pressoché ad ogni forma (basti pensare alle automobili, ai caschi per moto, ecc.) e che, quindi, consentono di avvolgere o, per meglio dire, di rivestire un po' tutto ciò che ci pare.

Naturalmente, questo vale anche per gli stand che, per il loro essere architetture temporanee finalizzate essenzialmente alla comunicazione, sono l' ambito nel quale sono ammessi tutti gli spunti, tutte le idee per raccontarsi e per farsi notare. Sono, quindi, il terreno ideale dove sbizzarrirsi con il wrapping per ottenere allestimenti fieristici personalizzati davvero comunicativi e originali.

Realizziamo stand fieristici che possiamo rifinire mediante wrapping utilizzando sia tinte unite che effetti materici e motivi grafici. Attraverso il link potete vedere un esempio di allestimento fieristico realizzato con questa tecnica: lo stand SIR Safety realizzato per A+A di Dusseldorf

Per l' uso negli stand fieristici, questi film possono essere già colorati o riprodurre l' effetto visivo di alcuni materiali come l' alluminio, il legno, il carbonio, il legno, le cromature, ecc. A colpo d' occhio, ma per certi decori anche al tatto, il risultato è davvero piacevole e realistico. Per esempio, con le pellicole a tinta unita, soprattutto le serie matt, l' effetto è pressoché identico a quello di una laccatura satinata, ma a costi più contenuti.

Volendo allestire stand fieristici davvero originali e di grande impatto si può integrare l' uso di questi film colorati all' origine con altri che, invece, sono incolore in modo da poter essere stampati a piacere con forme, texture, fotografie, pubblicità, ecc. per poi essere impiegati, al pari delle prime, per rivestire ogni parte dello stand: non solo pareti, ma anche strutture, pavimenti, porte, arredi e pressoché ogni altra cosa alla quale stiate pensando in questo momento.

Forse vi state chiedendo che differenza c' è tra una comune stampa su banner o pannello e questa diversa metodologia. Le tecnologie di stampa sono simili. La differenza sta nel materiale su cui si stampa e nella tecnica di applicazione. Ma proprio il materiale e la tecnica di applicazione consentono poi realizzare rivestimenti là dove con altre tecniche non è possibili fare come su un pavimento o una forma non piana.

In apertura Panic Room di Tilt, artista francese adopera il graffito con effetti simili al wrapping. Abbiamo voluto usare l' immagine di questa questa stanza decorata a metà perchè mostra efficacemente come un ambiente anonimo può essere trasformato in uno spazio avvolgente e comunicativo. Curiosi di sapere come l' ha realizzata? https://www.vimeo.com/38437356

Con le soluzioni tradizionali non è poi possibile decorare, ad esempio, una parete con un motivo che prosegue ininterrotto al pavimento e su altri elementi presenti nello stand. Quanto meno, saremmo costretti a tollerare le “cornicette” che coprono i punti di fissaggio dei banner e che interrompono, quindi, la continuità dei disegni là dove, invece, vorremmo che continuassero.

Come accade con il tradizionale car wrapping, anche gli stand possono essere di volta in volta aggiornati semplicemente cambiando i rivestimenti. Vale a dire che se un certo layout espositivo è ciò che fa per voi, ma occorre che l' aspetto a colpo d' occhio sia ogni volta fresco e attuale, basta cambiare la “pelle” al vostro stand per renderlo sempre nuovo, attuale, aggiornato nella comunicazione.

Un ultimo aspetto davvero interessante è poi che wrappare è un lavoro pulito e che resta pulito. Le idropitture tipicamente usate per realizzare stand fieristici sporcano e facilmente si sporcano con lo sfregamento tipico dell' uso durante lo svolgimento della mostra. I film di rivestimento, al contrario, non sporcano né durante l' applicazione né durante l' uso. Soprattutto, non si sporcano durante la mostra o, se accade, possono essere ripuliti da chiunque con un normale detergente. Insomma, come una laccatura o un laminatura, ma a costi più contenuti e, soprattutto, con molte più possibilità creative.

ANCORA SU WRAPPING PER STAND FIERISTICI

Pubblicato il 7 aprile 2018 | Ultimo aggiornamento il 10 aprile 2018

 

DIQUADRO by Natali Srl dal 1961 | Wrapping per allestimenti fieristici e stand fieristici. Sede operativa e legale nel comune di Sala Bolognese 400101 BOLOGNA in via Loredano Bizzarri al numero 22 - Telefono e Telefax +39 051.6814310 e-mail: info@diquadro.it Partita IVA IT00677941205 Codice Fiscale 03927740377 R.E.A. BO 327144 Registro Imprese BO 53433 Capitale Sociale 10.200 Euro interamente versato.